Registrati!

hai dimenticato la password?

Inserisci il tuo indirizzo e-mail e premi invia.

ricerca avanzata

cerca in

Tags

ais, associazione italiana sommelier, baratto wine day, blog, blogger, bwd, comunicazione, comunicazione online, degustazioni, eventi, eventi vino, fiere, filippo ronco, garage wines contest, genova, gwc, internet, liguria, magazzini del cotone, manifestazioni, manifestazioni vino, marketing, palazzo ducale, pubblicità, pubblicità online, rete, social network, terroir vino, terroirvino, tigulliovino, unconference, vendita diretta, vinix, vinix live, vinix unplugged, vinix unplugged unconference, vino, vuu, web

Home > Autori > Marketing > Back office

Back office

Il Pareto non vale, dentro quella valigia tutto il nostro mercato non ci può stare

di Filippo Ronco

E' del 27 febbraio questa notizia apparsa su Winenews (perdonate il caps lock, copioincollo dal sito): "FRESCOBALDI, MASI, MEZZACORONA: ECCO IL PODIO DELLE CANTINE ITALIANE TOP SU INTERNET, TRA SITI AZIENDALI E ATTIVITÀ SUI SOCIAL NETWORK, SECONDO L’INDAGINE, FIRMATA DA FLEISHMANHILLARD ITALIA (GRUPPO OMNICOM). TANTE OPPORTUNITÀ WEB ANCORA DA COGLIERE". Al faraonico titolare segue poi l'incipit del pezzo: "Frescobaldi, Masi, Mezzacorona: ecco il podio delle cantine italiane top su internet, tra siti aziendali e attività sui social network, secondo l’indagine, su parametri quantitativi e qualitativi, firmata da FleishmanHillard (http://fleishman.it), società di consulenza strategica con oltre 80 offici nel mondo e parte del Gruppo Omnicom, che ha analizzato fino al novembre 2013 la presenza e le attività online delle prime 25 aziende vinicole italiane per fatturato secondo l’ultima indagine di Mediobanca." (omissis...). Immediate le reazioni su facebook come era logico immaginare di fronte a tanta euforia titolistica. Non c'è molto da aggiungere a quanto già scritto da Giampiero Nadali nel...
Letto 3322 volteLeggi tutto[0] commenti

Il TerroirVino in cui feci quel lungo pistolotto sull'uomo medio del segno dei pesci

di Filippo Ronco

In tutte le cose in cui mi sono cimentato sono sempre state ben presenti, nel bene e nel male, due caratteristiche del tutto confliggenti tra loro che tuttavia contraddistinguono in modo abbastanza netto la personalità dell'uomo medio del segno dei pesci: massima ponderazione del rischio preliminare fino allo struggimento, pianificazione certosina, precisione maniacale da un lato ed eccentricità, imprevedibilità, rottura degli schemi, prove senza rete basate sull'istinto, rischio assoluto basato solo su fiducia e ottimismo totale nell'arcano sistema dell'universo (oltre ad una cospicua dose di incoscienza) dall'altro. E' il modo di procedere standard dell'uomo medio del segno dei pesci: ci pensa su un sacco ma quando si decide va alla via così, succeda quel che deve succedere, dentro tutta, a testa bassa, fino in fondo, a qualsiasi costo. Mi si farà notare che forse non è esattamente un modo imprenditoriale di fare le cose, molto cuore e sregolatezza e poca strategia e pianificazione. Se superficialmente questo potrebbe apparire vero, reconditamente l'uomo medio del segno dei pesci sa che quel processo di studio iniziale - tutto...
Letto 3526 volteLeggi tutto[0] commenti

Il commiato

di Filippo Ronco

Chi segue TigullioVino sa quanto tempo ed energie abbia dedicato a sottolineare le principali contraddizioni interne all'Associazione Italiana Sommelier (con particolare riferimento al suo rapporto interno con la delegazione del Lazio), nel corso degli ultimi anni. E' stato un racconto sempre teso a riportare fatti, decisioni e progressioni di quella che ancora oggi, a distanza di oltre un decennio dalla mia decisione consapevole di uscita da essa, rappresenta la più importante e ramificata associazione del vino in Italia. E' stato un raccontare franco per quanto mi riguarda, che può aver certamente commesso errori ma che è sempre stato svolto con lealtà, passione e ricerca della verità dei fatti. Queste mie scelte, che rifarei assolutamente da principio esattamente come le ho fatte in passato, mi hanno procurato negli anni anche qualche grattacapo ma sono cose di cui ho avuto modo di discutere faccia a faccia con gli interessati e per le quali, comunque proseguano le nostre strade, per indole non serberò rancore. Una sola considerazione - rivolta in particolare a chi meglio conosce le mie vicende personali oltre che ai protagonisti -...
Letto 4125 volteLeggi tutto[0] commenti

La libera circolazione delle merci non è poi così libera

di Filippo Ronco

La libera circolazione delle merci - cito dalla Treccani - "è una delle libertà fondamentali garantite dall’ordinamento giuridico dell’Unione Europea (UE) e comporta, per gli Stati membri, il divieto di dazi doganali all’importazione e all’esportazione e di qualsiasi tassa di effetto equivalente, con la creazione di un’unione doganale e l’adozione di una tariffa doganale comune negli scambi con i Paesi terzi (art. 28 del Trattato sul funzionamento dell’Unione Europea)." e ancora: "I divieti derivanti dalla libera circolazione delle merci includono ogni misura che, ancorché non qualificabile come dazio, abbia comunque un effetto di tipo discriminatorio o restrittivo degli scambi intracomunitari. La disciplina si estende altresì al divieto di restrizioni quantitative alle importazioni e alle esportazioni e di qualunque misura di effetto equivalente, intesa come misura che può ostacolare, direttamente o indirettamente, in atto o in potenza, gli scambi intracomunitari. (...omissis...) Tali divieti sono derogabili, ma solo per motivi di moralità pubblica, ordine pubblico,...
Letto 2536 volteLeggi tutto[0] commenti

TerroirVino 9, manifestazione denuclearizzata*

di Filippo Ronco

E' stata dura mettere insieme TerroirVino 2013. La crisi economica, la sovrapposizione ovviamente non cercata con la biennale Vinexpo e, non ultima, la neonata Gusto Cortina (pensata proprio nelle medesime date di Terroir già pubbliche da novembre 2012...) non hanno reso il compito facile. Fare un evento di questo tipo, a questo livello, con meno di 120-130 espositori è un suicidio economico ma a marzo, quando era il momento di tirare le fila, non me la sono sentita di mandare tutto all'aria dopo così tanti anni e mi sono impegnato con mia moglie a portare comunque a termine questo lungo lavoro, costasse quel che costasse. L'abbiamo fatto con il solito impegno e ne sortirà probabilmente una delle migliori edizioni di sempre (per voi), con l'unconference più qualitativa forse mai partorita fino ad oggi e con 100 espositori veramente eccellenti frutto dell'instancabile lavoro della nostra commissione di Genova, coordinata da Virgilio Pronzati e da quella levantina, da Sergio Circella. Tante le novità con lo spostamento della cena in centro storico, a Palazzo Imperiale, accessibile direttamente a piedi dai Magazzini del Cotone, con il...
Letto 3565 volteLeggi tutto[0] commenti

Filippo Ronco

Filippo Ronco

 Sito web
 e-mail

Laureato alla Facoltà di Giurisprudenza di Genova nel 2003, ho fatto pratica legale in uno studio per circa 2 anni ma non ho mai provato a dare...

Leggi tutto...

Archivio Risorse Interagisci

 feed rss di questa rubrica

Pubblicità Ultimi Commenti