Registrati!

hai dimenticato la password?

Inserisci il tuo indirizzo e-mail e premi invia.

ricerca avanzata

cerca in

Tags

acari tetranichidi, acariosi, accartocciamento fogliare, antracnosi, cicalina legno nero, cocciniglia, cocciniglia mezzo grano di pepe, complesso del legno riccio, daktulosphaira vitifoliae, erinosi, eulia, filossera, fleotribo, gfkv, guignardia bidwelli, hyalesthes obsoletus, legno riccio, maculavirus, malattie della vite, malattie fungine, malbianco, marciume nero, marciume radicale, metcalfa pruinosa, necrosi nervature vite, oidio, otiorrhyncus sulcatus, oziorrinco, phloeotribus scarabeoides, planococcus ficus, pseudococcide, pseudomonas, ragnetto giallo, ragnetto rosso, rogna, saissetia oleae, tecnica, vite, viticoltura

Home > Autori > Olio > Malattie dell'Olivo

Malattie dell'Olivo

Rogna dell' olivo

di Anna Zorloni

È una malattia molto comune, presente in tutte le regioni di coltivazione dell'olivo, provocata dal batterio Pseudomonas savastanoi.
Colpisce prevalentemente i rami più giovani della pianta, determinando la formazione di tipiche tuberosità tumorali irregolari, inizialmente piccole e di colore grigio-verde, che successivamente aumentano di dimensioni e assumono aspetto rugoso e colore bruno.
Pseudomonas savastanoi penetra nei tessuti della pianta attraverso ferite provocate da grandine, gelo, insetti, potature o altro; il suo ingresso viene facilitato dalla presenza di acqua (pioggia o forte umidità); una volta penetrato nella pianta si diffonde attraverso i vasi linfatici, andando a provocare la formazione di tumori in punti diversi della pianta.
Solitamente questa malattia non provoca danni gravi, i rami colpiti si indeboliscono o disseccano; tuttavia, con forti infestazioni ne risente la pianta intera, manifestando un deperimento generale con scarse fioriture e incompleta maturazione delle olive.
Il batterio ha un periodo di incubazione variabile da uno a più mesi a seconda delle condizioni ambientali. Ottimali sono clima umido e temperatura attorno ai 25- 30°C.
Una volta che il batterio è penetrato nella pianta, è praticamente impossibile impedirne lo sviluppo, quindi, il mezzo di lotta più efficace è rappresentato da pratiche di tipo preventivo.
In seguito a grandinate, gelate, potature o altri eventi che abbiano provocato ferite o lesioni, è opportuno disinfettarle con prodotti rameici. Il trattamento andrebbe ripetuto a distanza di una settimana.
Inoltre è importante disinfettare (con alcol denaturato o sali quaternari di ammonio) le forbici utilizzate per potare una pianta colpita, in modo tale da non passare il batterio ad una pianta sana potata con lo stesso attrezzo.
Infine è buona norma asportare e distruggere i rami colpiti dalla malattia.

Letto 5962 voltePermalink[0] commenti

0 Commenti

Inserisci commento

Per inserire commenti è necessario essere registrati ed aver eseguito il login.

Se non sei ancora registrato, clicca qui.
Anna Zorloni

Anna Zorloni


 e-mail

Leggi tutto...

Archivio Risorse Interagisci

 feed rss area olio

PUBBLICITÀ Ultimi Commenti