Registrati!

hai dimenticato la password?

Inserisci il tuo indirizzo e-mail e premi invia.

ricerca avanzata

cerca in

Tags

cabernet, california, california wines, napa valley, pinot, sonoma, vini californiani, wines, zinfandel

Home > Autori > Vino > California Wines

California Wines

I segreti della Napa Valley

di Max Roher

MappaArticolo georeferenziato

In California, a pochi chilometri da San Francisco, la Napa Valley è un piccolo paradiso enologico. Dagli indigeni Onasti alla Degustazione del 1976, la storia di una zona che ha cambiato il modo di vedere i vini d'oltreoceano.

Per chi vive a San Francisco, ci vuole appena un'ora di macchina verso nord per entrare nella più famosa zona vinicola d'America. Tempo fa, poiché sono cresciuto bevendo solo vini italiani e francesi con la mia famiglia, comprensibilmente non avevo una grande considerazione di quelli californiani. Sono molto buoni, mi avevano detto; più di una volta ho pensato "beh, è ora di provare" per poi andare al supermercato, comprare un vino da cinque dollari e non rimanere per nulla impressionato; ma quando ho cominciato a visitare la Napa Vallery, ho scoperto dei prodotti davvero eccellenti. Il problema è che molti, della California, finiscano col considerare solo i vini da cinque dollari. Una cosa è sicura, i migliori vini statunitensi vengono dalla Napa Valley. Lunga una cinquantina di chilometri, conta più di duecento aziende vinicole e da tempo è sinonimo di bellezze naturali e vino di qualità internazionale. Molti dei primi coloni erano italiani, che con loro sorpresa trovarono qui un'area simile per molti versi alla Toscana. Tanti vitigni sono stati piantati qui, come il Barbera, il Sangiovese e lo Zinfandel (Primitivo).




Gli Stati Uniti sono il quarto produttore mondiale di vino e c'è almeno un'azienda vinicola in ognuno dei cinquanta stati. L'ottanta per cento dei vini della nazione viene dalla California, ma solo il 4% dalla Napa Valley: l'intera area è estesa solo quindicimila ettari circa e potrebbe essere contenuta per cinque volte dalla regione del Chianti. La grande maggioranza dei vini californiani viene dalla Central Valley o dalla Central Coast. L'obiettivo di quasi tutte le aziende di queste altre zone è produrre grandi quantità di vino, e hanno qualcosa che alla Napa Valley effettivamente manca - un terreno fra i più ricchi del paese: questo, insieme a molta acqua, produce grappoli enormi e succosi. Adatti come uva da tavola, ma decisamente annacquati per la vinificazione di alto livello. Il risultato è una varietà di vini dozzinali che di solito si vendono a due dollari al litro: il più famoso tra questi è il cosiddetto Zinfandel Bianco, che deve il suo colore rosé a un contatto molto breve con le bucce degli acini durante la fermentazione,.

La Napa Valley, al contrario, ha un terreno roccioso, e una delle sue caratteristiche è che filtra molto facilmente. Questo obbliga le radici delle viti a scavare nel letto argilloso in cerca d'acqua, il che dà al vino risultante retrogusti aromaticamente terrosi. Ci sono più di 140 differenti varietà di terreno che, insieme a decine di microclimi, danno a Napa una straordinaria varietà dei vini prodotti tra i suoi confini. La parte settentrionale e quella centrale della Valle sono piantate con varietà di Bordeaux come Cabernet Sauvignon, Merlot e Sauvignon Blanc e beneficiano di un'estate calda a secca, con temperature sui quaranta gradi e, spesso, nemmeno una goccia di pioggia da marzo ad ottobre. Los Carneros, la parte meridionale della valle, è molto più fresca a causa della sua vicinanza all'estremità settentrionale della baia. Venti costanti, così come la nebbia per cui San Francisco è famosa, tengono fresca l'area e come risultato l'area è nota per il suo Chardonnay e Pinot Noir. La Napa Valley è separata dalla Sonoma Valley da una catena montuosa che prende il nome dalla sua vetta più alta, Mount Veeder. Qui le viti sono coltivate a secco, cioè non ricevono acqua per tutta la stagione. Questo spinge le radici ad andare giù molto in profondità, spesso per più di quindici metri. Los Carneros e Mount Veeder sono solo due delle denominazioni della Valle. Altre degne di nota sono Stag's Leap e Rutherford, conosciute per il Cabernet Sauvignon di altissima qualità, e Spring Mountain, famosa per il Merlot.




La Napa Valley produce vini in uno stile ben preciso che non si trova da altra parte. Si avvantaggiano della lunga stagione della crescita e hanno un gusto maturo e corposo, di solito con 1-2% di zuccheri residui. Comunque, non costano poco: alcuni dei migliori della regione costano quanto un Barolo o un Brunello di Montalcino.

Gli abitanti originali della Valley erano gli Onasti, arrivati circa 6000 anni fa. Quando arrivarono i soldati messicani nel 1820, dichiarandosi proprietari della California, gli Onasti furono decimati dal vaiolo. Più o meno in questo periodo le prime viti furono piantate da George C. Yount, un colono bianco che acquistò le sue terre dopo il matrimonio con la figlia di un ricco possidente di nome Mariano Vallejo. L'area cambiò nuovamente proprietario nel 1847, come bottino per le guerre Messicano-Americane. Nove giorni dopo l'ingresso della California negli Stati Uniti, venne scoperto l'oro a Sutter's Mill, nelle vicine montagne della Sierra Nevada. Questo provocò l'arrivo di centinaia di migliaia di coloni nella California centrale nei successivi due anni (chiamati affettuosamente col nome di "49ers"). Molte persone seguirono l'esempio di Yount e nel 1900 veniva prodotto oltre un milione di galloni di vino tra la Napa Valley e la Sonoma Valley.
Tutto questo finì bruscamente con l'avvento del Proibizionismo.

Dal 1919 al 1933 l'alcool fu illegale negli Stati Uniti, e poiché una vigna è piuttosto difficile da nascondere agli occhi della legge, la maggior parte delle cantine chiusero per darsi a coltivazioni più redditizie in altre parti del paese. Qualcuno rimase per fare vino, brandy e sherry illegalmente, e a qualche cantina fu permesso di restare aperta per produrre il vino sacramentale per la Chiesa. Altri ancora continuarono a coltivare uva ma cambiarono prodotto, come succo d'uva, aceto o uvetta. Ricordo che mi venne mostrata una bottiglia di succo d'uva dei tempi del Proibizionismo: l'etichetta dietro diceva "Attenzione - si prega di non aggiungere due cucchiai di lievito e sei centilitri d'acqua", procedimento che, naturalmente, avrebbe prodotto proprio vino. Questo è solo uno dei modi in cui i produttori aggirarono le leggi del tempo: di certo il risultato finale non era granché, ma meglio di nulla. Furono tempi particolarmente duri per gli agricoltori della zona, perché a prescindere dalla qualità del succo d'uva, nessuno lo pagava più di due dollari odierni.




Alla fine del Proibizionismo, l'area era devastata e abbandonata. Gli alberi cominciarono a crescere nelle vigne; molte cantine deteriorarono irrimediabilmente. Dagli anni Trenta ai Sessanta la valle fu quasi deserta. Nel 1966, il più famoso residente attuale della Napa Valley, un certo Robert Mondavi, si trasferì qui e piantò il Cabernet Sauvignon. Nel 1969, il suo "Cab" vinse il primo posto come miglior vino della California. Molti coltivatori tornarono e provarono di nuovo a produrre vino.

Il passo successivo è stato qualcosa che ha stordito il mondo e definitivamente stabilito i vini della Napa valley come concorrenti internazionali - la celebre Degustazione di Parigi del 1976. In una degustazione "cieca", lo Stag's Leap Cabernet Sauvignon 1973 vinse il primo posto come migliore rosso e il Chateau Montelena Chardonnay 1973 quello per il miglior bianco. Questo stupì tutti, perché i vini americani erano sempre stati considerati inferiori ma anche perché questi due vini erano stati prodotti a meno di venti miglia di distanza, e il miglior bianco e il miglior rosso raramente sono così vicini.

A causa di ciò, è facile intuire come fosse cresciuto esponenzialmente l'interesse verso questa regione e la volontà di investirvi. La maggior parte dei terreni furono comprati immediatamente e molte nuove cantine cominciarono a nascere. Comprare del terreno nella Napa Valley oggi costa intorno al milione di euro per ettaro, il che ne fa uno dei più cari degli Stati Uniti. In questo periodo il cambiamento è rappresentato da grandi compagnie, come la Nestlè o la fabbrica della birra Foster's, che si trasferiscono e acquistano terreni. Comunque, ci sono sempre centinaia di vigne possedute dalle famiglie, che producono vini in modeste quantità.




Una piacevole caratteristica di quest'area è che più del 60% delle persone che possiedono vigne non hanno una cantina. Questa pratica ha benefici per tutti. Per il consumatore, visto che il produttore sceglie per forza le uve migliori e non corre il rischio di dover usare un raccolto scarso, e per il coltivatore, poiché molti di questi hanno altri lavori e possono dedicarsi alla vigna senza un investimento troppo gravoso.
La Napa Valley è famosa soprattutto per il suo Cabernet Sauvignon, che continua a essere considerato uno dei migliori del mondo. Viene gustato al meglio a tre o quattro anni di età, a differenza dei Chateaux in Francia o il Barolo, che raggiungono il loro potenziale dopo dieci anni o più. Il potenziale d'invecchiamento ancora non è del tutto noto, poiché molte vinerie sono relativamente nuove. Una cosa è sicura, comunque: questi vini diventeranno sempre migliori man mano che i produttori diventeranno più esperti e si saprà di più sulle caratteristiche della regione.

Letto 7300 voltePermalink[0] commenti

0 Commenti

Inserisci commento

Per inserire commenti è necessario essere registrati ed aver eseguito il login.

Se non sei ancora registrato, clicca qui.
Max Roher

Max Roher


 e-mail

Max Roher scrive di vini statunitensi e in particolare californiani dal 2005. Dopo la laurea in architettura, si è innamorato della ricca...

Leggi tutto...

Archivio Risorse Interagisci

 feed rss area vino

PUBBLICITÀ Ultimi Commenti