Registrati!

hai dimenticato la password?

Inserisci il tuo indirizzo e-mail e premi invia.

ricerca avanzata

cerca in

Tags

barbera, blog, blogger, comunicazione, eventi, eventi vino, filippo ronco, garage wines contest, genova, internet, liguria, lombardia, magazzini del cotone, manifestazioni, marche, marketing, palazzo ducale, piemonte, porto antico, prezzo sorgente, prodotti tipici, sicilia, social network, terroir vino, terroirvino, tigulliovino, toscana, trentino, umbria, unconference, vendita diretta, veneto, vinix, vinix live, vinix unplugged, vinix unplugged unconference, vino, vuu, web

Home > Vino

Alla scoperta dei vini del Sud de France

di Filippo Ronco

MappaArticolo georeferenziato

Cullato dal mare Mediterraneo, il vigneto Sud de Francesi distende in un mosaico di terre, dal Rodano fino ai Pirenei e la Spagna a perdita d’occhio. Famoso per la sua storia, coltivato prima dagli Etruschi e poi dai Romani, importante per la diversità e la ricchiezza delle terre, del clima, dei vitigni e degli uomini. Affascinante per la sua bellezza naturale.


Terre e vitigni, la scelta Sud de France


Vini da vitigni, vini di Denominazione d’Origine Controllata (D.O.C.) e vini tipici, vini provenienti da uno o più vitigni, i vini Sud de France nascono da colline argillo-calcaree, da pendii ghiaiosi, da terrazze di calcare marino, da groppe discisto, da altipiani di gariga sassosa, da file di ciottoli arrotolati; dal clima mediterraneo, tipico del sud ma temperato dagli spruzzi e i venti, Mistrale, Tramontana, Cers; da vtigni mediterranei e francesi che si sposano in modo così eccezionale. Vini bianchi: Piquepoul, Mauzac, Marsanne, Roussanne, Viognier, Clairette, Chenin, Moscato petit grain, Moscato d’Alexandrie, Chardonnay, Sauvignon… Vini rossi o rosati: Carigan, Syrah, Grenache, Cinsault, Mourvèdre, Cabernet-Sauvignon, Pinot, Merlot…


Sud de France: il marchio dei vini del Languedoc-Roussillon

Le vigne del Languedoc-Roussillon sono le più estese del mondo; la produzione supera infatti quelle di Bordeaux, dell’Australia, dell’Africa del Sud e del Cile e rappresenta un terzo del volume del vino prodotto in Francia. Nel 2006, la regione Sud de France/Languedoc-Roussillon ha prodotto il 34% della produzione vitivinicola totale della Francia. Le vigne del Languedoc-Roussillon si estendono su 300.000 ettari di territorio e producono in media 2133 milioni di bottiglie di vino all’anno. Il 30% dei vini prodotti dalla regione Languedoc-Roussillon è commecializzato all’estero e il marchio Sud de France è presente su una trentina di mercati stranieri. La regione Sud de France/Languedoc-Roussillon conta più di 40 D.O.C.,comprendenti vini bianchi, rossi, rosati, effervescenti e vini dolci. Il marchio Sud de France comprende vini D.O.C. e una vasta gamma di “Vins de Pays”. La regione Sud de France/Lamguedoc-Roussillon conta più di 3000 imprese vitivinicole. Il marchio comprende circa 150 prodotti alimentari e un migliaio di vini del Languedoc-Roussillon. Sito e catalogo on-line: www.fia-lr.com

Un colore Sud de France, grandi momenti di degustazione i bianchi Sud de France – tutti i vini bianchi seduzione
Effetti di trasparenza, giochi di scintillio, armonia di splendori, i vini bianchi Sud de France spuntano alla luce, splendenti e luminosi; talvolta secchi e allegri, dal naso florealee dalla bocca fresca; talvolta rotondi, suadenti e dorati, profumano di frutta esotica. Fin dall’aperitivo, ci fanno apprezzare la loro eleganza senza artifici. Quindi sublimano, ovunque nel mondo, la cucina contemporanea a base di pesce crudo o cotto, di frutti di mare, di verdura grigliata, di formaggio fresco, di dessert squisiti. Nel medterraneo, la stagione del bianco perdura tutto l’anno.


I rossi Sud de France – tutti i vini rossi passione

Rossi da mille sfumature, al centro della passione vignaiola: vini del piacere, fruttati, vini generosi, corposi, vini da invecchiamento, autentici, complessi, maestosi, segreti…Ognuno esprime il carattere soleggiato, la forza aromatica, la personalità Sud de France. Sono proprio questi i compagni della gastronomia francese. Rilasciano con tanta soddisfazione il loro tannino fino e setoso, il loro profumo di bacca selvatica, di gariga mediterranea, di cuoio fresco, di liquirizia e di spezie delicate, di amarena, di anice, di rosmarino, il tempo di un picnic oppure di una cena sotto le stelle.


I rosati Sud de France – tutti i vini rosati del piacere

Sul terrazzo con vista sulla laguna, all’ombra affilata di un cipresso o più rotonda di un oliveto, sopra il ponte a poppa di una chiatta lungo il canaledel Midi, i rosati Sud de France sono l’espressione dei paesaggi che li videro nascere. Freschi, fruttati, delicati, primaverili, sanno offrire la loro natura e la loro sincerità, anche se lontani da casa, ma sempre nel cuore degli altri, nel piacere improvviso di assaporare, tra amici e a qualsiasi ora, i momenti inattesi della giornata. Accompagnano benissimo tapas, grigliate, buffet freddi, piatti orientali o asiatici che mescolano così bene il dolce ed il salato.


Le bolle Sud de France – vini delle feste

Fu il vigneto Sud de France e più precisamente i monaci dell’Abbazia di Saint Hilaire, vicino Limoux, a dare vita al primo brut del mondo nel 1531. Da allora, è sempre festa a palazzo. Con bollicine vive e delicatamente tinte, talvolta con riflessi verdi, i vini effervescenti celebrano gli avvenimenti, piccoli o grandi, della vita contemporanea. I tappi saltano, l’oro frizza, la spuma fruscia e si alzano il flute per brindare al piacere di ritrovarsi, prima durante e dopo il pranzo, sempre fino alla fine dei festeggiamenti.


I vini dolci Sud de France – dei vini di luce

Come una girandola: esplosione di colori, di materie, di profumi voluttuosi; nei colori chiari, giallo evanescente, i bianchi morbidi ed i moscati propongono i loro piaceri intensi, le loro note di miele, d’albicocca e di fior d’arancio, all’aperitivo, con un formaggio fresco, con torte o sorbetti. Bianco ambrato, rosso granato o amato, profumati di agrumi canditi, di cestini di frutta o ancora di cacao e spezie, i grandi vini dolci naturalio di vendemmie tardive esaltano sia il fegato d’oca che il formaggio erborinato o ancora un dessert al cioccolato. Sono pure ottimi vini di conversazione e di meditazione…

Letto 5388 voltePermalink[0] commenti

0 Commenti

Inserisci commento

Per inserire commenti è necessario essere registrati ed aver eseguito il login.

Se non sei ancora registrato, clicca qui.
Filippo Ronco

Filippo Ronco

 Sito web
 e-mail

Laureato alla Facoltà di Giurisprudenza di Genova nel 2003, ho fatto pratica legale in uno studio per circa 2 anni ma non ho mai provato a dare...

Leggi tutto...

Archivio Risorse Interagisci

 feed rss area vino

PUBBLICITÀ Ultimi Commenti