Registrati!

hai dimenticato la password?

Inserisci il tuo indirizzo e-mail e premi invia.

ricerca avanzata

cerca in

Tags

abbinamenti pesto, befana, cinque terre, come nasce un vino passito, cucina, enologia, epifania, fare il vino, festività, genova, granaccia, halloween, liguria, nosiola, pasqua, piemonte, pigato, ricetta, ricette, ruzzese, sciacchetrà, scimiscià, spumantizzazione, tappi, tappo, tecnica, tradizione, tradizione genovese, tradizione ligure, tradizioni, trentino, verici passito, vin santo trentino, vini bianchi, vini da meditazione, vini liguri, vini passiti, vitigni, vitigni autoctoni

Home > Esperti > Food

Carnnevale e Martedì Grasso

di Franco Massa

MappaArticolo georeferenziato

E' fatale, la proverbiale musoneria ligure (ma non sempre) fa passare quasi inosservato un periodo di allegria e trasgressione come il carnevale e, mentre in altre località grandi e piccole, fervono i preparativi per sfilate di carri allegorici ed altre amenità, qui da noi il carnevale passa quasi inosservato ma non fu sempre così.

"Ao dissette de' zenà encomença o carlevà"
"Al diciassette di gennaio inizia il carnevale": da questa data ogni serietà era abbandonata per far posto al periodo festivo più lungo dell'anno ove si ballava a tutti i livelli senza distinzione di censo, in casa o all'aperto; questo accadeva qualche secolo fa o anche meno.

I ragazzi scagliavano frutta non proprio matura e uova "di una certa età" contro governanti cittadini e notabili vari e tutto era vissuto all'insegna della trasgressione. Anche le maschere venivano utilizzate per celare il viso in occasione di malefatte di vario genere tanto che nel 1400 o giù di lì vennero anche proibite sia per gli uomini che per le donne.

E i secoli passano, le usanze rimangono a segnare con lazzi e marachelle varie tutto il periodo carnevalesco... e poi... e poi la tavola!
Nella triste prospettiva dei digiuni quaresimali il martedì grasso, ultimo giorno di carnevale ci si sfogava... obbligatori i ravioli, la fantasia non era tanta ma questi restavano il piatto principale di quasi tutte le feste e poi la carne di maiale.
Antico detto: "L'urtimo giorno de carlevà, de raieu se ne fà na' pansà"
"L'ultimo giorno di carnevale di ravioli se ne fa una scorpacciata"; infatti si iniziava con una gigantesca portata a base di ravioli coditi con sugo si carne magra di manzo "o tocco" e poi braciole di maiale con contorno di cavolfiore al verde.
A seguire formaggi, frutta di stagione e le immancabili bugie "e boxie" a chiudere in dolcezza il rito dell'ultimo giorni di carnevale; il tutto veniva abbondantemente annaffiato da vini liguri e piemontesi; suggerisco per le "boxie" un Pigato Passito "A Vinsa" di Tommaso Lupi di Pieve di Teco.

Una curiosità: in occasione di simposi, carnevaleschi o di altro genere, ricorda Orazio, esisteva il "Magister Bibendi" una sorta di sommelier "ante litteram" che mescolava sapientemente (ahimè!) l'acqua a quei vini che erano prodotti in maniera molto diversa da come oggi li conosciamo e, senza diluizione con acqua difficilmente si sarebbero potuti bere data l'alta concentrazione e viscosità.
E canta appunto Orazio: "...Scendi o anfora pia, Corvino ordina morbidi vini. Non è certo tanto rozzo da sprezzarti, seppure pieno di socratiche dottrine.
Dicono che anche la virtù dell'antico Catone si sia accesa alla fiamma del vino!...".
Buon carnevale a tutti !

Letto 3007 voltePermalink[0] commenti

0 Commenti

Inserisci commento

Per inserire commenti è necessario essere registrati ed aver eseguito il login.

Se non sei ancora registrato, clicca qui.

Franco Massa


 e-mail

Leggi tutto...

Archivio Risorse Interagisci

 feed rss area food

PUBBLICITÀ Ultimi Commenti