Registrati!

hai dimenticato la password?

Inserisci il tuo indirizzo e-mail e premi invia.

ricerca avanzata

cerca in

Tags

alto adige, bolzano, cibo, degustazione, degustazione vino, distillati, emilia romagna, enogastronomia, evento, evento food, evento travel, evento vino, extravergine, food, formaggi, francia, friuli venezia giulia, liguria, lombardia, marche, mariella belloni, milano, news, news vino, olio, olio extravergine, olio extravergine di oliva, olive, piemonte, puglia, toscana, travel, trentino alto adige, treviso, veneto, venezia, verona, vino, wine

Home > Esperti > Food

Fontina, la regina dei formaggi

di Mariella Belloni

MappaArticolo georeferenziato

La Fontina, un famoso formaggio fresco, è il prodotto più esportato dalla Vallèe. E’ varia e versatile. Varia in funzione del momento della giornata, versatile perché si adatta a diversi utilizzi in cucina. E’ delicata, la sua dolcezza è unica. Con gli Champagne è un abbinamento davvero insolito. Viene definita la “regina dei formaggi”. La Fontina è figlia della montagna e dell’alpeggio. Il suo nome, ricco di storia - la prima testimonianza scritta del nome Fontina risale al 1270 - garantisce oggi a livello europeo il rispetto di rigorose norme di produzione e consente di mantenere le specificità e le qualità organolettiche del prodotto. Regina dei formaggi ma anche della montagna: viene prodotta, infatti, esclusivamente in Valle d’Aosta, Regione Autonoma posta nel cuore delle Alpi occidentali. I confini sono delimitati dalle montagne più alte d’Europa: Monte Bianco, Monte Rosa, Cervino e Gran Paradiso. L’ambiente montano della Regione e le bovine di razza autoctona - pezzata rossa, pezzata nera, castagna - sono gli artefici di un formaggio buono e genuino.

La Fontina è prodotta da latte crudo intero proveniente da una sola mungitura, caseificato immediatamente utilizzando per la coagulazione caglio di vitello purissimo. La temperatura di coagulazione è di 36°C e quella di semicottura di 47-48°C. Dopo l’estrazione dalla caldaia, la cagliata è messa nelle fascere e pressata per favorire la fuoriuscita del siero. La stagionatura avviene in ambienti idonei per aereazione, temperatura (non oltre i 12°C), umidità relativa (intorno ai 90°) e dura almeno tre mesi. Nel corso di questo periodo il formaggio è sottoposto a cure quotidiane: salatura a secco, alternata a spazzolatura con soluzione salina. Cilindrica, tipicamente appiattita a scalzo concavo, dal peso di circa 8/12 kg, crosta compatta, sottile, di colore marrone più o meno intenso in funzione del periodo di maturazione, è tra gli alimenti di spicco della nostra tavola. Mangiata da sola o utiizzata per preparare numerosissime e originali ricette, è regale accompagnata ad un “re”, questa volta dei vini, lo Champagne. Due ingredienti complementari: la fresca acidità dello champagne non solo compensa la dolcezza del formaggio ma, assieme al perlage, funge da contraltare alla materia grassa, lasciando la bocca fresca e pulita.

Fonduta:
Ingredienti: per 4 persone: gr 400 di fontina della Valle d’Aosta - uno spicchio d’aglio -latte -una noce di burro - 4 tuorli d’uovo - fettine di pane casareccio tostato
Preparazione: Togliere la crosta alla fontina, tagliatela a liste e poi a quadratini sottilissimi. Mettetela in una scodella con lo spicchio d’aglio, leggermente schiacciato, e copritela col latte freddo. Lasciatela riposare per un paio d’ore al fresco non in frigorifero. Scolate la fontina dal latte e mettetela col burro in un casseruolino. Cuocete a fuoco bassissimo: non deve bollire, per cui è meglio cuocerla a bagno maria. Rimescolate in continuazione con un cucchiaio di legno. Appena la fontina comincerà a filare, aggiungete un tuorlo per volta, rimescolando velocemente. Quando il tutto sarà liscio e cremoso, versate la fonduta in quattro ciotole calde. Accompagnatele con fettine di pane tostato. In stagione si può servire con lamelle di tartufo.

Letto 3165 voltePermalink[0] commenti

0 Commenti

Inserisci commento

Per inserire commenti è necessario essere registrati ed aver eseguito il login.

Se non sei ancora registrato, clicca qui.

Mariella Belloni


 e-mail

Leggi tutto...

Archivio Risorse Interagisci

 feed rss area food

PUBBLICITÀ Ultimi Commenti