Registrati!

hai dimenticato la password?

Inserisci il tuo indirizzo e-mail e premi invia.

ricerca avanzata

cerca in

Tags

amarone, banchi d assaggio, barbera, cabernet franc, cabernet sauvignon, chardonnay, consorzio, doc, docg, dop, eventi vino, formaggio, frantoio, lacrima, leccino, malvasia, manifestazioni sul vino, marche, merlot, montepulciano, nebbiolo, olio, piemonte, pinot grigio, pinot nero, report, sangiovese, sauvignon, sirena d oro, syrah, toscana, trebbiano, turismo, turismo enogastronomico, verdicchio, vermentino, viaggi, viaggi enogastronomici, vino

Home > Autori > Travel > Viaggi enogastronomici

Viaggi enogastronomici

Quarantaquattro vini ... o La Vie en Rosé a Milano

di Luigi Bellucci

MappaArticolo georeferenziato

Nel centro di Milano, a due passi dal Castello Sforzesco e dal Piazzale Luigi Cadorna, capolinea della Stazione Milano Cadorna, che è scalo di testa della linea ferroviaria regionale Milano – Saronno, c’è la sede della Maison de la Region Languedoc Roussillon. Se arrivate col metro da Cadorna andate verso Corso Magenta e passate proprio davanti a palazzo Litta, uno degli esempi più importanti dell'architettura barocca milanese. Bellissimo anche il nome della strada, Via San Giovanni sul Muro. La Maison sta al primo piano del numero 18. oggi c’è una presentazione di vini rosati dell’ultima annata 2008. Un nome indovinato per questa rassegna, “La Vie en Rosé” (veramente si dovrebbe leggere “la vi an rosè”, con l’accento sulla e)  a ricordare la sublime Edith Piaf e la sua voce potente, calda e avvolgente. In rassegna quarantaquattro vini di un livello qualitativo talora davvero eccellente. Ad accogliervi la graziosa Direttrice, Emilie Rémy, con Milena De Filippo, una bella ragazza mora siciliana prestata alla Francia via Milano, addetta all’ufficio stampa. Inoltre Jean Huillet, Presidente di Anivit, che è la Fédération des Vins de Pays du Languedoc Roussillon (Vini IGT), con il vice presidente di Anivit e direttore generale del Gruppo Evoc Laurent Migeon; poi la responsabile della comunicazione della Federazione, Anny Morandy e infine il Presidente del Sindacato des Côtes de Thongue, Louis Marie Teisserenc, anche nella veste di produttore ed Elodie Le Drean, responsabile settore Vino per Sud De France Export.

Lunedì 2 Marzo 2009

I programmi di oggi mi impedivano di partecipare a questa manifestazione, che avevo già disdetto. Poi un imprevisto mi ha consentito di liberarmi da impegni precedenti e così alle cinque ero già sul metro in direzione Cadorna. Due passi per Via San Nicolao e poi Corso Magenta fino all’angolo di Via San Giovanni sul Muro.La Maison de la Region Languedoc Roussillon vuole essere una rappresentanza in Italia di questa regione che è la più grande produttrice francese, come volumi di prodotto.La regione Languedoc Roussillon (in italiano Linguadoca Rossiglione) è l’ottava regione francese per superficie (quasi 27.400 Km2, con 2,5 milioni di abitanti), di poco più grande della Sicilia o del Piemonte, tanto per citare due nostre regioni particolarmente vocate per il vino, ma con la metà degli abitanti della Sicilia. Comprende cinque province: Herault con capoluogo Montpellier, Aude (Carcassonne), Gard (Nimes), Lozère (Mende) e Pyrénées orientales (Perpignan). Prevale nettamente la piccola e media impresa, tant’è vero che il 98% delle aziende ha meno di 50 dipendenti. Nel 2006 la regione ha prodotto il 3,25% del PIL francese, pari a 57,35 miliardi di Euro o 22.760 Euro per abitante. Sempre per continuare l’esempio con la Sicilia, sempre nel 2006, ha fornito un PIL di 82,94 miliardi di Euro o 16.600 Euro per abitante. Dunque non è una regione ricchissima, ma è ben posizionata nel settore vinicolo.

Gli assaggi dei Rosati

All’interno della Maison che sta al primo piano, quattro tavoli con i vini distribuiti in ordine di prezzo crescente dal tavolo numero uno al tavolo numero quattro.Ogni vino è custodito in una busta quadrata di plastica trasparente e immerso in una soluzione di acqua e ghiaccio per mantenerlo costantemente alla giusta temperatura di assaggio.Al centro di ogni tavolo un recipiente per gli scarti, sempre a portata di mano.Non c’è ressa, ma un accedere ordinato ai tavoli da parte delle persone presenti, che si danno un cambio continuo con i nuovi che arrivano.
Nella saletta accanto due tavoli messi a L per il buffet e qualche piccolo bocconcino da alternare agli assaggi dei vini rosati. Mono porzioni di pesce, carne di pollo in spiedini, mozzarelline e pomodori, sacconcini al curry su piastra calda.Sul catalogo che viene consegnato all’arrivo sono riportati, per ogni produttore, il nome del vino, la zona geografica di provenienza, il vitigno o i vitigni, il numero delle bottiglie destinate al mercato estero. Sono tutti produttori di medio piccole dimensioni.
Decido di fare degli assaggi a campione scegliendo i due produttori più piccoli e i due più grandi per ogni tavolo. Elodie mi spiega che il numero di bottiglie si riferisce alla quantità destinata all’esportazione e non a quella prodotta effettivamente, tuttavia, in mancanza di altri punti di riferimento, decido di mantenere il criterio di selezione che avevo già deciso, allargando magari l’assaggio a qualche altro vino che Louis Marie mi consiglia via via che procedo.

Tavolo numero 1

Dei miei assaggi quello che più mi colpisce come armonia, freschezza e bouquet aromatico è Les fleurs de Montblanc dell’Azienda Cave Montblanc, di Nézignan-l'Évêque nell’Herault. È un Cinsault che viene dalla Côtes de Thongue e se ne esportano 45.000 bottiglie. Il suo costo di € 1,50 lo rende strabiliante come rapporto qualità / prezzo.
Altrettanto valido il rosato Les Arches dell’Azienda Vignobles du Soleil, VDP du Pont Gard. Un uvaggio Cinsault e Syrah esportato in 10.000 bottiglie al costo cantina di € 1,80
Dopo un assaggino di un paio di spiedini di pollo al curry riprendo gli assaggi al tavolo successivo.

Tavolo numero 2

Qui il livello qualitativo comincia a salire e assaggio ancora quattro esemplari, devo dire tutti molto convincenti, tanto che mi sembra giusto segnalarli tutti.
Al primo posto il Maëlys dell’Azienda Domaine Auge, del Coteaux du Libron. Stavolta abbiamo tre vitigni Grenache, Syrah e Cinsault e se ne esportano 13.300 bottiglie. Considerato il suo costo di € 2,00 è davvero molto interessante.
Un poco sotto sta il Domain Bonian della stessa azienda della Côtes de Thongue. Syrah e Grenache sono i vitigni e 7.000 le unità di esportazione a un prezzo di € 2,05
Altrettanto valido il Grenache dell’Azienda Domaine La Colombette, del Coteaux du Libron. Ovviamente Grenache in purezza per 120.000 unità in esportazione al costo di € 1,95
Infine piacevole il Plume della stessa azienda Domaine La Colombette. Anche lui tutto Grenache a un costo di € 2,00.
Un’altra breve visita al tavolo del buffet per mettere qualcosa in pancia prima di proseguire.

Tavolo numero 3

Salgono appena appena i prezzi ma la qualità non supera quella del tavolo precedente.Tuttavia anche qui abbiamo avuto due ottimi riscontri.Al primo posto il Cuvée des Amis dell’Azienda Domaine Saint Georges d’Ibry, della Côtes de Thongue. Due i vitigni interessati Syrah e Grenache per sole 4.100 bottiglie da esportare. Il costo è € 2,40. Da segnalare anche il Champs des grillons dell’Azienda Domaine La Croix Belle anch'essa della Côtes de Thongue. I vitigni sono ancora Grenache e Syrah per 50.000 unità all’ esportazione. Il costo è € 2,40.

Tavolo numero 4

Sono rimaste le ultime nove bottiglie. Considerato il prezzo dovrebbero essere le migliori, così decido di allargare i miei assaggi a sei campioni.
I campioni migliori rimangono sul livello dei più interessanti dei tavoli precedenti.
Una segnalazione particolare per i due vini dell’azienda Domaine de l’Arjolle, della Côtes de Thongue.
Li ho assaggiati entrambi. Al primo posto il Cuvée de l’Arjolle, senza vitigni dichiarati, per 15.000 unità da esportazione a un costo franco cantina di € 3,30. subito dopo il Meridienne, un uvaggio di Syrah, Cabernet Franc e Grenache per 5.000 bottiglie a un costo franco cantina di € 5,00. alla degustazione era presente anche il produttore che mi spiegava che il Meridienne inizia la fermentazione in barrique e qui rimane per tutti i processi successivi che durano quattro mesi, fino all’imbottigliamento.
Da segnalare il Prélude dell’azienda Les Clos du Sud, della Val de Cesse. Uvaggio Cinsault e Grenache per 3.000 unità da esportazione e un costo di € 2,95.
Mi è sembrato degno di nota anche Le Sourire de Nicole dell’azienda SCEA Domaine de Prunelles, della Côtes de Thongue. Uvaggio Carignan e Grenache per 2.000 unità da esportazione e un costo (l’unico di tutto il catalogo) non comunicato.

Conclusione.

Per sintetizzare, i 44 vini erano così distribuiti:
Quindici vini sul primo tavolo, con prezzi da 1,50 a 1,85 Euro a bottiglia franco cantina.
Dieci vini sul secondo tavolo, con prezzi da 1,90 a 2,05 Euro a bottiglia franco cantina.
Dieci vini sul terzo tavolo, con prezzi da 2,10 a 2,70 Euro a bottiglia franco cantina.
Nove vini sul quarto tavolo, con prezzi da 2,95 a 8,00 Euro a bottiglia franco cantina.

Ancora una volta i produttori francesi si distinguono per serietà professionale, capacità di presentare i loro prodotti, grande organizzazione espositiva e soprattutto non hanno paura di mettere in chiaro i costi di quello che mettono sul bancone.
Chissà perché dai produttori italiani, almeno questa è la mia esperienza, è sempre così difficile avere prezzi chiari e resoconti puliti di ciò che fanno in cantina, soprattutto sulle quantità delle tipologie e delle bottiglie prodotte.

Il Tour dei vini rosati della Francia del Sud ha fatto tappa a Londra il 6 febbraio e a Shanghai il 13 febbraio, e si concluderà alla Maison de la Région Languedoc Roussillon di New York il 16 marzo.

Infine due parole per ricordare che cosa fa la Regione Francese per promuovere i suoi prodotti di punta nel mondo. La Regione Languedoc Roussillon ha creato il marchio collettivo « Sud de France» attraverso il quale aiuta a identificare i prodotti con la regione stessa. Inoltre sostiene la promozione comune delle organizzazioni interprofessionali del proprio territorio, accompagna gli esportatori per la ricerca di clienti appoggiandosi sulle Maison, come questa di Milano, che sono insediate all’estero nelle principali capitali economiche mondiali per acquisire nuovi mercati o allargare quelli esistenti.In dettaglio.

Per i più curiosi
la lista completa dei vini e dei produttori presenti su ogni tavolo:

Tavolo 1
Produttore Nome del Vino Regione Vitigno/i Prezzo Cantina
Cave Montblanc Les fleurs de Montblanc Côtes de Thongue Cinsault 1,50
La Fontessole La Fontanelle Côtes de Ceressou Cinsault/Carignan 1,50
Scea Preignes le vieux Réserve rosé Coteaux du Libron Cinsault/Grenache 1,59
Vignobles Sud Roussillon Vi del Sol Côtes Catalanes Syrah/Grenache/Carignan 1,60
La Belle Pierre Belle Pierre VDP Gard N.D. 1,65
Cave Bessan Rosé de Bessan VDP Bessan Carignan/Grenache/Cinsault 1,65
Vignobles Dom Brial Dom Ici Côtes Catalanes Syrah/Grenache 1,65
Vignobles Sud Roussillon Bages Côtes Catalanes Syrah 1,65
Vignobles Sud Roussillon St Jean Côtes Catalanes Syrah 1,65
Cave Roquebrun Terre d’Orb Haute Vallée de l’Orb Carign/Gren/Syrah/Cins 1,70
Earl Domaine Bellevue Séduction Côtes de Thongue Grenache/Syrah 1,70
Cave Florensac Rosé de l’été VDP Hérault Cinsault/Syrah 1,78
Vignobles du Soleil Les Arches VDP du Pont Gard Cinsault/Syrah 1,80
Domaine Coste Rousse Le coquin Côtes de Thongue Cins/Gren/Cab.Franc 1,80
Cave Montblanc Les fleurs de Montblanc Côtes de Thongue Syrah 1,85

Tavolo 2
Produttore Nome del Vino Regione Vitigno/i Prezzo Cantina
Cave Montpeyroux Etnhik Mont Baudile Syrah/Gren/Mourvèdre 1,90
Cave Le Trois Blasons Confidence Côtes du Brian Gren/Syrah/Cins/Mourv 1,90
Domaine La Colombette Grenache Coteaux du Libron Grenache 1,95
Domaine de Moujolan Cuvée Mujolan Collines de la Moure Syrah/CabSauv/GrenNoir 1,99
Cave Bessan Cuvée Special VDP Bessan Syrah/Grenache/Cinsault 1,99
Château Pech Celeyran Cuvée sixtine Côtes de Pérignan CabSauv/ Mourvèdre 2,00
Domaine La Colombette Plume Coteaux du Libron Grenache 2,00
Domaine Auge Maëlys Coteaux du Libron Grenache/Syrah/Cins 2,00
Uccoar Crénaux de couleurs VDP Cité de Carcassonne N.D. 2,05
Domaine Bonian Côte de Thongue Côtes de Thongue Syrah/Grenache 2,05

Tavolo 3
Produttore Nome del Vino Regione Vitigno/i Prezzo Cantina
SCAV Les 2 Terroirs Hauterive Hauterive N. D. 2,10
SCAV Les 2 Terroirs VDP Aude VDP Aude N. D. 2,10
Domaine de Bachellery Perles de Rosé Coteaux du Libron Cins/Grenache/Syrah 2,15
Domaine de Montrose Côtes de Thongue Côtes de Thongue Grenache/Cabernet 2,20
Domaine de Capriers Côtes de Thongue  Cinsault 2,25
Scea Domaine de Lene Alphonse de lene Côtes de Thongue Cinsault/Grenache 2,32
Domaine La Liquiere A mi-chemine VDP Hérault Grenache/Carignan/Clairette 2,40
Domaine St Georges d’Ibry Cuvée des Amis Côtes de Thongue Syrah/Grenache 2,40
Domaine La Croix Belle Champs des Grillons Côtes de Thongue Grenache/Syrah 2,40
Scea Coteaux de Bassac Isa Côtes de Thongue Syrah/Grenache/Mourv. 2,70

Tavolo 4
Produttore Nome del Vino Regione Vitigno/i Prezzo Cantina
Les Clos du Sud Prélude Val de Cesse Cinsault/Grenache 2,95
Domaine de l’Arjolle Cuvée de l’Arjolle Côtes de Thongue N.D. 3,30
Cave Marseillan Marseillan Côtes de Thau Marseillan 3,50
Cave Marseillan Syrah Côtes de Thau Syrah 3,65
Domaine de Perdiguier Cuvée en Anger VDP Coteaux d’Ensérune Syrah/CabFr/CabSauv 3,68
Domaine de l’Arjolle Meridienne Côtes de Thongue Syrah/Cab.Franc/Grenache 5,00
Earl Allies Domaine Reine Juliette Côtes de Thau Syrah 5,89
Domaine de Blanes Le Clos Rosé Côtes Catalanes Grenache/Carignan 8,00
Scea Domaine des Prunelles Le Sourire de Nicole Côtes de Thongue Carignan/Grenache N.C.


[Foto Credit: Luigi Bellucci]

Letto 7457 voltePermalink[0] commenti

0 Commenti

Inserisci commento

Per inserire commenti è necessario essere registrati ed aver eseguito il login.

Se non sei ancora registrato, clicca qui.
Luigi Bellucci

Luigi Bellucci


 e-mail

Sono nato in una torre malatestiana del 1350 sulle primissime colline del Montefeltro romagnolo. Forse per questo mi ha sempre...

Leggi tutto...

Archivio Risorse Interagisci

 feed rss area travel

PUBBLICITÀ Ultimi Commenti