Registrati!

hai dimenticato la password?

Inserisci il tuo indirizzo e-mail e premi invia.

ricerca avanzata

cerca in

Tags

abbinamenti pesto, befana, buzzetto di quiliano, cinque terre, come nasce un vino passito, cucina, cucina genovese, epifania, fare il vino, festività, genova, granaccia, halloween, liguria, martedì grasso, martinotti, pasqua, pesto genovese, piemonte, ricetta, ricette, sciacchetrà, scimiscià, spumantizzazione, tecnica, tradizione, tradizione genovese, tradizione ligure, tradizioni, tradizioni liguri, trentino, verici passito, vin santo trentino, vini bianchi, vini da meditazione, vini liguri, vini passiti, vitigni, vitigni autoctoni

Home > Esperti > Food

Il pranzo di Capodanno nella tradizione genovese

di Franco Massa

MappaArticolo georeferenziato

Parliamo proprio del pranzo di capodanno, quello del 1° gennaio, la tradizione vuole che sia questo il primo desinare del nuovo anno e quindi assumeva un grande significato di buon auspicio. Molta importanza si dava, ad esempio, alla prima persona che si incontrava, uscendo di casa, la mattina di capodanno, e così erano di buon augurio uomini, gobbi, vecchi e frati; non così preti, donne, bimbi, suore, carri funebri e medici, nel ponente ligure bastava comunque, a scongiurare ogni malefizio... sputare per terra! Allo stesso modo non doveva comparire sulla tavola pollame da cortile di nessun genere, simbolo di sperpero quel loro razzolare buttando terra e sassolini all'indietro; benvenuto era il maiale "o porco" che col muso tende ad ammucchiare grufolando.

E allora vediamolo più da vicino questo menu' di capodanno:
Corzetti della Valpolcevera al sugo di maiale (pasta a pezzi piccoli tirati a mano a forma di otto, diversi da quelli del levante a forma di medaglia, il sugo veniva preparato in circa 4/5 ore finchè il pezzo di carne intero veniva praticamente sfatto nella casseruola). A seguire Arrosto di maiale con patate, e poi un sontuoso fritto misto alla ligure ove figurava un trionfo di verdure di stagione, fettine di fegato di vitello, foglie di borragine e salvia dorate e fritte, cervella, stecchi ripieni e avvolti nell'ostia, latte brusco e latte dolce. E poi formaggi, l'immancabile pandolce (quello preparato prima delle feste e tenuto nella "cantia"), frutta secca, frutta fresca, canditi e, per finire l'uva conservata gelosamente per l'occasione a rappresentare un auspicio di arricchimento o comunque di fortune economiche.
Abbino a questo sontuso pranzo vini di Liguria, dal Rossese di Dolceacqua, al Ciliegiolo, al Passito di Verici, allo Sciacchetrà.

Termino questa volta con alcuni proverbi sia in vernacolo che in lingua:
"L'aegoa a derrua e muage, o vin tegne in pe' grendi e piccin"
>> l'acqua travolge i muri, il vino tiene in piedi grandi e piccoli
"A ciù bonn-a mexinn-a o l'è o decotto de cantinn-a"
>> La migliore medicina è il vino

A chi non piace il vino Dio gli tolga l'acqua
Quel che con l'acqua mischia il vino merita di bere il mare a capo chino.

Letto 3573 voltePermalink[0] commenti

0 Commenti

Inserisci commento

Per inserire commenti è necessario essere registrati ed aver eseguito il login.

Se non sei ancora registrato, clicca qui.

Franco Massa


 e-mail

Leggi tutto...

Archivio Risorse Interagisci

 feed rss area food

PUBBLICITÀ Ultimi Commenti