Registrati!

hai dimenticato la password?

Inserisci il tuo indirizzo e-mail e premi invia.

ricerca avanzata

cerca in

Tags

acari eriofidi, acariosi, anna zorloni, apoplessia, black rot, calepitrimerus vitis, cicalina legno nero, cocciniglia, cocciniglia mezzo grano di pepe, cocciniglia nera, cocciniglie cotonose, colomerus vitis, drosophila, enazioni, eulia, filossera, fleck, legno nero, maculatura infettiva, maculavirus, mal dell esca, malattie della vite, malattie fungine, malattie vite, marciume acido, marciume nero, moscerino piccoli frutti, neopulvinaria innumerabilis, parthenolecanium corni, pulvinaria, rogna, saissetia oleae, suzukii, targionia vitis, tecnica, virosi, vite, viticoltura, vitis rupestris sain george

Home > Autori > Vino > Malattie della Vite

Malattie della Vite

Oidio o Malbianco della vite

di Anna Zorloni

Viene provocato da un fungo ascomicete, appartenente alla famiglia delle Erysiphaceae la cui forma ascofora è Uncinula necator, la forma conidiofora è Oidium tuckeri. Originario del nord America, è stato introdotto accidentalmente in Europa nella metà del XIX secolo. Insieme alla peronospora costituisce una delle malattie più gravi e diffuse della vite.
Attacca preferibilmente i tessuti giovani della pianta. Sulla pagina superiore delle foglie compare una efflorescenza muffosa di aspetto ragnateloso di colore grigio-biancastro, che si evolve in polvere biancastra (da cui il nome "malbianco"). La lamina fogliare si accartoccia verso l'alto assumendo la tipica conformazione "a coppa". Infine la foglia necrotizza. Sui germogli i sintomi sono analoghi: strato muffoso, lignificazione impedita, necrosi.
Alla ripresa vegetativa, i germogli assumono il tipico portamento "a bandiera". Sui fiori l'attacco di oidio provoca l'aborto. Gli acini (attaccati tra l'allegagione e l'invaiatura) appaiono imbruniti con punteggiature nere e muffetta. Inoltre si ha la spaccatura della buccia e la necrosi della rachide. In seguito all'attacco di oidio, la pianta difficilmente muore. Si hanno però gravi riduzioni di sviluppo e produttività.
L'attività fotosintetica dei tessuti è ridotta, aumentano invece respirazione e  traspirazione con conseguente depauperamento delle sostanze nutritive.
L'oidio è un ectoparassita obbligato della vite; non penetra all'interno dei tessuti  colpiti, ma rimane all'esterno. Si attacca alla superficie dei tessuti tramite gli  appressori, quindi sviluppa gli austori con i quali assorbe gli elementi nutritivi  necessari al suo sviluppo.
L'infezione primaria compare con temperature non inferiori a 6°C (a primavera inoltrata; fine aprile, inizio maggio). La temperatura ottimale per lo sviluppo della malattia è compresa tra i 21 e i 30°C. Oltre i 30°C il processo d'infezione si arresta. L'umidità relativa dell'aria influisce poco sullo sviluppo della malattia; questo fungo non necessita acqua per germinare. Clima alternato di pioggia e sole favorisce attacchi di oidio.
Numerosi sono i prodotti antioidici presenti sul mercato. Molto importante è tuttavia adottare pratiche di tipo preventivo nei confronti di questa malattia, anche perchè, di solito, una volta che la malattia è comparsa, risulta difficile eliminarla del tutto. Spesso l'oidio compare sugli stessi ceppi di vite all'inizio di ogni stagione  vegetativa. Questi ceppi costituiscono il centro di origine e diffusione della malattia (l'oidio sverna nelle gemme sotto forma di micelio, e sulle foglie cadute a terra o nella corteccia dei ceppi sotto forma di cleistotecio). Pratiche colturali idonee possono aiutare a prevenire gli attacchi di oidio. La densità d'impianto ha influenza sullo sviluppo dei patogeni; le potature e la forma di allevamento possono facilitare l'aerazione e rendere più agevoli i trattamenti.  Inoltre, una potatura equilibrata evita di creare le condizioni microclimatiche  favorevoli al fungo, quali la mancanza di luce ed elevata umidità.

Letto 10414 voltePermalink[0] commenti

0 Commenti

Inserisci commento

Per inserire commenti è necessario essere registrati ed aver eseguito il login.

Se non sei ancora registrato, clicca qui.
Anna Zorloni

Anna Zorloni


 e-mail

Leggi tutto...

Archivio Risorse Interagisci

 feed rss area vino

PUBBLICITÀ Ultimi Commenti