Registrati!

hai dimenticato la password?

Inserisci il tuo indirizzo e-mail e premi invia.

ricerca avanzata

cerca in

Tags

acari tetranichidi, acariosi, accartocciamento fogliare, antracnosi, cicalina legno nero, cocciniglia, cocciniglia mezzo grano di pepe, complesso del legno riccio, daktulosphaira vitifoliae, erinosi, eulia, filossera, fleotribo, gfkv, guignardia bidwelli, hyalesthes obsoletus, legno riccio, maculavirus, malattie della vite, malattie fungine, malbianco, marciume nero, marciume radicale, metcalfa pruinosa, necrosi nervature vite, oidio, otiorrhyncus sulcatus, oziorrinco, phloeotribus scarabeoides, planococcus ficus, pseudococcide, pseudomonas, ragnetto giallo, ragnetto rosso, rogna, saissetia oleae, tecnica, vite, viticoltura

Home > Autori > Vino > Malattie della Vite

Malattie della Vite

Carie Bianca

di Anna Zorloni

Questa malattia, denominata anche "marciume bianco", viene provocata dal fungo Coniella diplodiella. Si sviluppa facilmente durante i mesi estivi, in condizioni di elevata umidità e temperatura attorno ai 25°C, in seguito a lesioni sugli acini provocate da fattori di diversa natura, quali grandine, punture d'insetto, uccelli, …
Il fungo, che si conserva generalmente sui grappoli malati caduti per terra, penetra all'interno degli acini attraverso queste ferite, e si sviluppa dando il via all'infezione. Quindi si propaga ulteriormente e passa da un acino all'altro attraverso i peduncoli ed il rachide. Gli acini colpiti assumono inizialmente una colorazione grigiastra. Successivamente perdono di turgidità e si ricoprono di numerose piccole pustole (che sono i picnidi del fungo). Infine disseccano e cadono.
Possono presentarsi dei sintomi anche sul rachide e sui tralci; depressioni allungate di colore grigiastro con bordi più scuri. Queste infezioni possono essere prevenute eliminando i residui a terra su cui si conservano le spore del fungo, e adottando forme d'allevamento che evitino il più possibile il contatto dei grappoli col terreno. L'utilizzo di fungicidi è consigliato immediatamente dopo una grandinata.

Letto 6238 voltePermalink[0] commenti

0 Commenti

Inserisci commento

Per inserire commenti è necessario essere registrati ed aver eseguito il login.

Se non sei ancora registrato, clicca qui.
Anna Zorloni

Anna Zorloni


 e-mail

Leggi tutto...

Archivio Risorse Interagisci

 feed rss area vino

PUBBLICITÀ Ultimi Commenti